News dalle Società

Anno pubblicazione

Mercoledì, 17 Maggio 2017

News da CUS Venezia

Da Ufficio Stampa CUS Venezia Volley



BOLLORE - Qui finisce la (bella) avventura in D delle (brave) ragazze del Cus Venezia. Il servizio d´apertura spetta di diritto e di dovere alla banda Grandese e alla sua "ultimizia" di stagione. Questi sono i playoff, bellezze! La dura, spietata legge del "ball in, ball out", dell´interruttore on-ff , roba da yankees Usa…te e, purtroppo, nel caso di specie, anche da Cus...go home! Da Altman ad alt…women, da avanti marsch a indietro M*A*S*H* non è riuscito lo scherzo irriverente in cui, specie nel primo set, si è assistito durante l´operazione disperata nell´ospedale da campo, privo di Prata. Corpo a corpo all´ultimo sangue, guerriglia sporca con le vietcong trascinate Mori che, tra "ananas" a grappoli al napalm e lancia-fiamme-fuoco dai 9 m., hanno istroncato la resistenza delle marines lagunari "razza Bollore", cadute in trappola emozionale. Non c´è stato bisogno di ricorrere ad alcun "video check" per determinare con rapidità ed esattezza il primo verdetto delle final…eight. La marcia del Cus nella post season comincia e termina qui in un ambiente surriscadato dove nel corso dei tre set si è elevata troppo l´asticella del livello di difficoltà.


EFFETTO - Opposte alle migliori delle terze classificate (l´Iper…attive casalinghe di Cosma Timpone vantavano un record da 60 punti, frutto di appena 28 set concessi, un qs da 2,32 e un qp da 1,22) le meno quotate delle quarte si sono battute e sbattute, soprattutto in avvio, come tigri e leonesse nella giungla. Tuttavia le commilitoni della capitana (poco) giocatrice Giabardo hanno avuto scarse possibilità di giocarsela e rovesciare il "fattore C". Campo, cuore o….qualcos´altro, a voi la libera interpretazione, ha deciso. Sfumato l´effetto sorpresa pazzesCus, confronto via via penalizzante tra un ottimo Buonalbergo a "6 stelle" e un Cus B&B, lindo-pulito, apprezzabile ma di livello esperienziale inferiore ("millennial", nooo?) dove il breakfast di punti si è rivelato eccessivo. Lollo e amiche, prive della "spalla" Prata, si congedano (Erasmus, nooo!) senza rimpianti, piegate da un gruppo non più forte ma più pronto e "scafato" per partite on-off di questo tipo. "Devo in ogni caso fare i complimenti a tutte le mie ragazze - applaude coach Grandese, spargendo inviti Da Valentino e fiori d´arancio - che da Cenerentole neopromosse sono state protagoniste di un´ottima annata, specie nella seconda parte, raggiungendo il ballo dei playoff contro rivali ben più esperte. L'anno prossimo faremo tesoro e ci presenteremo di sicuro più forti e competitive al ricevimento".


ANSIA - La partita albeggia molto bene per il Cus che si presenta senza calare la Sara…cinesca, sostituita ottimamente dalla Donà, e che si mantiene sempre davanti. Merito di una difesa di squadra attenta e…di avversarie molto distratte e contratte che sbagliano in fase di contrattacco pur non perdendo mai del tutto il contatto. Un buon giro in prima linea di D´Iseppi e il gran contrasto a muro delle centrali permettono a Brunetta e C. di portarsi sul 20-18 con battuta a favore. Qui emerge l´inesperienza nel gestire le fasi finali delle partite importanti: un po´ di naturale ansia fa commettere qualche errore di troppo e permette all'Iper...caricato di annullare il piccolo svantaggio e di rimediare il primo gong: 27-25. Scampata la paura, le padrone...d'albergo si mettono a macinare un grandissimo gioco con attacchi precisi e rari errori: registrata la difesa, non lasciano più cadere palla. Il Cus subisce il rinculo dell´occasione sciupata e nel set 2 si disunisce, lasciando strada: i buoni innesti di Giabardo e Fenzo non bastano a ricucire lo strappo d´avvio ripresa. Nel terzo si prova il tutto per tutto: parte bene e riesce a rimanere aggrappato al sestetto di cap. Conti per tutta la prima parte: si risveglia Meneghini che si mette a giocare da par suo, la rice ricomincia a funzionare e questo permette a Brunetta di smarcare meglio i laterali. Continua la sua superba prestazione mvp Lollo sia in attacco che in difesa. Purtroppo, però, il San Martino gioca in scioltezza, con la sicurezza di chi sa di aver ormai trovato il ritmo gara giusto e piazza l´allungo decisivo nella fase calante di set. Post-it finale: com´è ora normale, tagliato il traguardo e non il mantello, in attesa della torta, prevale la tristezza. Ci sarà tempo per fare l´analisi del primo campionato di Serie D. Restano fissi i complimenti e le basi a un gruppo che è andato oltre i propri limiti, crescendo costantemente durante tutta la stagione. Da qui il Cus dovrà ripartire.


PELO - Con...terminazione Cus all'ultimo...cippo. Dal Litorale, passando per Concordia Sagittaria, fino all´estrema laguna di buon…Grado sventola issata la bandiera blu del Favaro (onore al "6" di capitan Curiel, ben sincronizzato da coach Zanovello) e non, Cavallino o no, quella rossa Cus. Al Terminal provvisorio dei giochi, le…fusine restano 3 punti sotto il cielo, anzi sotto il pelo dell´acqua, una tacca più giù rispetto alle top 3 medagliate. Almeno per ora: perchè il piazzamento conquistato con pieno merito dalla squadra di coach Appiotti, potrebbe, chissà?, valere un mezzo ripescaggio e il 4 valere...1 per la 2!. L'ultima trasferta, intanto, è stata la degna passerella di una stagione bella, lunga e con prestazioni altalenanti. Partenza in Seconda con sestetto standard e Pratina al posto di Cordella prestata, come in passato Zanon, alla D di Grandese per cercare il prosieguo dei play-off. "Non saprei cosa dire di sconvolgente - ammette il coach nell'App...y Day - o di epocale: non si è guardato alle prestazioni ma al puro divertimento e, nonostante tutto, ci siamo davvero divertite".
Nel secondo set contro Senigaglia la Pina di Senigallia schiera Moretti banda per un'altra partita al posto di Amadio e di Lodi nel terzo. Trani e Peretti si dividono la scena e cercano di mettere in pratica quanto imparato in una stagione intera...Non ci riescono sempre alla perfezione ma resta apprezzabile l'esperimento. Riguardo all''uscita di saluto, i tre set sono stati più "tirati" del previsto con un giovanissimo, pimpante, molto migliorato Litorale nord. Ottima come sempre la prestazione di Vavasori che quando prende bene sulla palla fa veramente male. Questo il primo gran bel giudizio assegnato in bacheca; a breve usciranno anche quelli delle altre. Volete scommettere che, prima o dopo l'estate, Lodi e compagne si ritroveranno tutte ...promosse? Se lo meriterebbero proprio!


 

PALLONETTI - Le ragazze della terza divisione hanno affrontato nella prima delle due semifinali le compagne dell'Elpis Meolo che già avevano incontrato nel girone eliminatorio con risultati alterni sempre molto combattuti. Conoscendo i punti forti delle avversarie coach Rocca imposta la partita nel tentativo di neutralizzarli e preparando le ragazze psicologicamente ad una lunga battaglia. Si combatte quindi punto a punto con il Meolo che si affida alle schiacciate dirompenti di Urban a cui il CUS risponde con difese impeccabili di Scarpa e Pegan e attacchi insidiosi di Bonora e Tessier alternati da pallonetti e muri punto che lentamente cominciano a sgretolare le certezze del Meolo e permettono al CUS di chiudere il primo set 25-22. Il Meolo però non ci sta e parte bene nel secondo set costringendo coach Rocca a mandare in campo Pozzi su Bonora sull'8-3.
Il CUS riprende la palla e Tassan in battuta riesce a riportare il punteggio in parità. Un ulteriore serie di battute di Pozzi staccano l'Elpis e il CUS si aggiudica anche il secondo set sul 25-18. Terzo set si lotta punto a punto e il CUS gioca senza concedere nulla all'avversario con D'Antiga che smista palloni con grande lucidità e trovando punti diretti in battuta e in pallonetto di prima intenzione. Tessier a muro è inarrestabile e Luppino tiene saldamente la ricezione e la difesa insieme a Scarpa e Pegan che non si fanno mai trovare fuori posizione. l'Elpis non riuscendo a trovare soluzioni vincenti incomincia a commettere errori in attacco e a disunirsi in difesa dando la possibilità al CUS di portarsi avanti e di chiudere il set sul 25-18 e l'incontro su 3-0. Non è ancora tempo però per festeggiare. La testa va alla partita di ritorno prevista per giovedì 18 maggio che vale un posto in finale.


ALA - Sabato prima della semifinila delle ragazze della Terza Divisione in campo di nuovo anche l'Under 12.
5 set giocati contro il Terraglio che ha visto le ragazze di Zanotto e Fumagalli fare dei buoni miglioramenti, soprattutto vista anche l'introduzione del nuovo modulo con il cambio d'ala.
1 solo set vinto e due persi di poco, ma quel che conta è stato riassaporare il campo e il bel clima generale durante l'amichevole con vari cambi di formazioni e tutte le 15 ragazze a scendere in campo. Adesso il prossimo appuntamento il 2 giugno alla festa provinciale!


MAMMA - Maschi in coda, per questa volta da bravi cavalieri. Giornata da Cus di riposo e di recuperi. Occhio…bello, area storicamente flagellata da cataclismi e invasioni, è destinata ad accogliere l´orda pacifica, non degli alpini, ma dei pompieri e della Croce Rossa di Pozzana che proveranno a pre(in)sidiare gli argini posti a difesa del D…elta Po. Lancia in resta ed elmo in testa, in palio per i paladini vincitori la promozione in "diretta" con bacio della madonna: chissà che la festa non tocchi alla presidentessa Zanchetta ma alla collega-mamma Zanotto! Per i cavalieri disarcionati, invece, dopo 7 giorni di ritiro in tenda a leccarsi le ferite, una seconda chance in gara secca nella giostra di recupero. Sabato 20 alle 20 e 30, nel complesso di Savonarola (intitolato al giustiziato, proprio dopo metà maggio, di 609 anni fa) scoccherà il momento di scoprire chi appartiene alla Scuola dei Battuti o dei Batti…tori. Ovvero chi tra le due casate possiede i maggiori quarti di nobiltà, regola tutt´oggi in vigore per l´ammissione all´ordine sovrano, di Malta e della C…osta.

VEDI

TUTTE LE NEWS DELLA FEDERAZIONE

vedi

Iscriviti

Alla mailing list
e resta in contatto
con noi

vedi

RISULTATI
E CLASSIFICHE

ONLINE

vedi